Ispirazione: Big Trip

Hanna Johansson and her Triumph Scrambler riding on an ice track

La Triumph Scrambler su una pista di ghiaccio

Una giornata in pista molto speciale

La prima volta su una pista è un’esperienza speciale per tutti noi motociclisti. Farlo su una pista di ghiaccio fra cumuli di neve è adrenalina pura.

In sella sul pack…

Quando la ruota posteriore ha iniziato a pattinare su una curva, è bastato un colpetto delicato di acceleratore e gli pneumatici chiodati hanno fatto il loro dovere, così la motociclista Adventure Hanna Johansson ha potuto finire la curva e proseguire lungo il rettilineo.

Come se percorrere 800 chilometri verso nord dalla sua Svezia su strade ghiacciate e ricoperte di poltiglia di neve non fosse già abbastanza, ciò che aspettava Hanna e la sua Street Scrambler 2019 sulla pista di ghiaccio a Vilhelmina era “completamente folle e impossibile”. Ci sono voluti tre giorni per raggiungere il sud della Lapponia in sella alla sua Scrambler con gomme chiodate. La ventinovenne ammette: “Il freddo, il pack, la poltiglia di neve e tutte le sfide che un simile ambiente comporta… Sentivo di aver già raggiunto un traguardo importante per il solo fatto di essere arrivata fin lì.”

“Quando ho visto la pista ho pensato: ‘Amica, mi sa che hai fatto il passo più lungo della gamba’.”

Ma come sa bene ogni motociclista Adventure che si rispetti, nulla è impossibile. Dopo un briefing con l’esperto Sune Andersson, stuntman che in sella a una Triumph Rocket ha affrontato di tutto, dal pack al napalm, la regina dei ghiacci di Stoccolma era pronta per un’avventura in stile Frozen.

Un’esperienza unica

“Era la mia prima volta su un circuito; dopo che Sune mi ha rassicurata sul fatto che la Scrambler e gli pneumatici mi avrebbero offerto un’aderenza perfetta, mi sono fidata di lui e sono partita,” racconta.

“Ho slalomato un po’ e mi sentivo in pieno controllo, ma la prima curva è stata comunque molto strana. La gomma posteriore ha iniziato a pattinare ed è stato spaventoso, ma ho cercato di contenere lo slittamento, ho dato una spinta alla moto e ne siamo venute fuori alla grande. A ogni nuova curva mi sentivo sempre più euforica.”

“Guidare sul ghiaccio è un’esperienza unica. Penso sia utile per migliorare le abilità offroad, per affrontare con più sicurezza la ghiaia e lo sterrato, perché capisci meglio il comportamento della moto e il lato scientifico che c’è dietro.”

“Tutti dovrebbero farlo almeno una volta nella vita. Se hai una Scrambler, una Bonneville o una Tiger, devi assolutamente provarci. Una volta tornata a casa avevo in mente una cosa sola: rifarlo… E puoi scommetterci che lo rifarò!”

Come guidare sul ghiaccio

• Monta gli pneumatici giusti: ti serviranno chiodi a vite per avere una chance sulle superfici scivolose.
• Piegati in avanti sulla moto quando affronti una curva: mettiti sul bordo superiore della sella, con la moto inclinata sotto di te.
• Guidare sul ghiaccio ti darà una sensazione strana: è solo la tua mente. Non avere paura e affronta la pista con coraggio.
• Sposta il peso sulla pedana esterna per massimizzare l’aderenza. Trascina il piede interno sul ghiaccio per avere un terzo punto di contatto. Non caricare troppo peso sul piede per evitare che si incastri nel ghiaccio ruvido o che finisca sotto la gomma posteriore.
• Sterza con il posteriore: man mano che aumenti la velocità, impara a sostenere la moto nelle curve. Sterza col posteriore anziché con l’anteriore, per evitare il rischio di perdere l’avantreno.
• Stai per cadere? Mira dritto ai cumuli di neve.

Scopri di più sulla Street Scrambler e sulle sue doti straordinarie…