Ispirazione: Lifestyle

Photographer Brandon Hinton making a coffee on a mountain

Come diventare fotografi provetti

I preziosi suggerimenti di Brandon Hinton

Brandon si è affacciato da poco al mondo della fotografia e ha catturato alcune immagini splendide con una fotocamera tutt’altro che professionale. Ma a riprova del suo incredibile talento, ha già realizzato un servizio fotografico di 10 pagine su Men’s Health. Moto, città, ritratti e panorami: scopri i suoi scatti più belli, i suoi racconti e i suoi consigli per diventare fotografi provetti.

Che esperienza hai nel campo della fotografia?

Sinceramente, sono un novellino. All’inizio del 2018 sono entrato in un negozio e ho comprato la fotocamera DSLR più economica che c’era. Volevo semplicemente migliorare un po’ i contenuti che pubblicavo sul mio blog di sport. Due mesi più tardi mi trovavo in Ruanda come esperto di scienze motorie e sportive con la nazionale sudafricana di ciclismo. Per passare il tempo, ho preso la mia fotocamera e ho scattato un paio di foto ai ragazzi che gareggiavano.

Solo quando sono rientrato in Sudafrica, la federazione mi ha detto che non avrebbe potuto pagarmi il viaggio come concordato. Così mi sono ritrovato con una carta di credito esaurita e tutti i voli da pagare di tasca mia. Disperato, ho deciso di scrivere un articolo sulla mia esperienza in Ruanda allegando una paio di foto che avevo scattato.

Visualizza su Instagram

Post condiviso da Brandon Hinton (@brandonhinton.jpeg) il giorno

L’idea non è piaciuta a nessuno, purtroppo. In seguito ho scritto un’e-mail implorante a Men’s Health. Un mese dopo ho realizzato un servizio di 10 pagine sul numero dedicato al 50° anniversario della rivista. Da quel momento in poi la mia vita è cambiata, ho vissuto una serie di eventi uno più surreale dell’altro, ma non mi sono mai fermato a farmi domande.

Cosa ti ha spinto verso le due ruote?

Penso la mia esperienza sia comune a molti. Mio padre andava in modo, così ho iniziato anch’io. Ma nel mio caso quella scintilla si è ben presto trasformata in un vero e proprio fuoco. A 14 anni ho deciso che sarei diventato un pilota professionista e nulla mi avrebbe impedito di farlo. Le moto sono diventate un’ossessione. La mattina leggevo riviste come fossero la Bibbia, mentre la sera guardavo DVD su DVD senza mai staccarmi dal televisore.

Quando ho finito la scuola, sono salito su un aereo per andare negli Stati Uniti e mettermi alla prova nel campionato AMA. La competizione era tosta, ma ho amato ogni attimo di quella esperienza. Un anno dopo, e con un rapporto fra spese e vittorie di 10:1, mi sono reso conto di essermi spinto fino al mio limite. Era tempo di abbandonare il mio sogno. Ho continuato a lavorare nel settore per un altro anno come trainer presso una struttura in California, dove ho avuto la fortuna di incontrare alcuni dei nomi più importanti, ma ero ancora piuttosto amareggiato, così ho deciso di tornare a casa e tenermi alla larga da qualsiasi cosa avesse due ruote e un motore. Mi sono riavvicinato all’universo delle moto solo grazie alla fotografia, ma con una prospettiva del tutto nuova: volevo mostrarne il lato divertente, il lato che tutti possono apprezzare e vivere.

Visualizza su Instagram

Post condiviso da Brandon Hinton (@brandonhinton.jpeg) il giorno

Quali sono i tuoi scatti preferiti?

Fino a poco fa, tutti miei ritratti di moto erano spontanei, e la spontaneità contribuisce naturalmente a dare forma alle storie più memorabili e alle immagini più ricche di emozioni. Ma la mia foto preferita di tutti i tempi risale a un giorno di dicembre che non dimenticherò mai. Mentre ero in vacanza con tutta la famiglia, ci siamo fermati in una piccola città nel mezzo del nulla dove sorgeva un passo formidabile chiamato The Hell, l’inferno.

C’era anche mio fratello, diventato padre da pochi mesi. Era da un po’ che non ci divertivamo insieme in moto, un’abitudine che ha accompagnato ogni nostro weekend sin da quando eravamo ragazzi. La sera prima di ripartire abbiamo deciso di salire sul passo, solamente io e lui. Per due ore ci siamo sentiti totalmente liberi, mentre affrontavamo i sentieri di ghiaia. Durante il viaggio di ritorno ho voluto catturare quell’attimo che sapevo non avremmo mai più potuto ricreare.

Visualizza su Instagram

Post condiviso da Brandon Hinton (@brandonhinton.jpeg) il giorno


Ho bloccato l’acceleratore, messo in quarta, tolto le mani del manubrio, poi mi sono sporto all’indietro per fargli una foto mentre mi superava e il sole iniziava a sparire dietro le montagne che avevamo appena scalato. In modalità manuale con un obiettivo fisso da 35 mm, ho cercato di impostare correttamente la fotocamera per catturare il movimento e la velocità, guardando la scena attraverso l’obiettivo mentre indossavo casco e occhiali. Un’idea stupida, me ne rendo conto. E non è finita qui.

Era una stagione particolarmente piovosa e la ghiaia sulla strada presentava parecchie corrugazioni. Il manubrio ha iniziato a rimbalzare e oscillare velocemente a destra e a sinistra; mai provata un’esperienza simile. Non so come sono riuscito a non lasciar andare la fotocamera e a fermare l’oscillazione prima di pinzare i freni e fermarmi con una risata isterica. Un momento che io e mio fratello non dimenticheremo mai.

Visualizza su Instagram

Post condiviso da Brandon Hinton (@brandonhinton.jpeg) il giorno

Quali consigli daresti ad un aspirante fotografo?

  • Per prima cosa, non lasciarti tentare da apparecchiature costose. Le prime immagini che ho pubblicato (su Men’s Health) sono state scattate con la fotocamera e il kit di obiettivi più economici che potevo permettermi. All’epoca non lo sapevo ancora, ma è stata una delle esperienze più preziose che potessi fare e spero di non dimenticarmene mai.
  • Un altro consiglio, forse simile al primo, è di imparare a lavorare con gli strumenti che si hanno a disposizione. Ho sempre avuto un unico obiettivo fotografico alla volta. Magari è stato più difficile catturare alcuni attimi, ma questa situazione mi ha anche obbligato a escogitare soluzioni più creative per ottenere ciò che volevo, e il risultato finale risulta più unico e personale.
  • Scatta con il cuore. Letteralmente. Concentrati su ciò che ami di più; solo così puoi realizzare contenuti ricchi di emozioni, capaci di stabilire un contatto emotivo con gli altri.
  • Trova il tuo stile. Ho lavorato molto su ciascuna immagine in Lightroom, manipolando ogni scatto affinché raccontasse la storia che volevo catturare quando ho premuto l’otturatore. Mi ha permesso di sviluppare uno stile unico, senza conoscenze. All’inizio la cosa mi spaventava, ma poi ho capito quanto sia importante per distinguersi fra milioni di altri fotografi.
  • Non seguire le mode del momento. Con Instagram, un nuovo contenuto viene pubblicato e visualizzato da milioni di utenti ogni secondo; è davvero difficile non dar retta a quella vocina che ti sussurra: “Se scatto questa o quell’altra foto, otterrò migliaia di like”. Cerco sempre di immaginarmi una scena. Penso ai miei futuri nipoti che trovano un giorno una vecchia scatola con le mie foto e pensano: “Ehi, il nonno era un grande”. Non è facile, e non penso di riuscirci ogni volta, ma cerco sempre di restare fedele alle storie e alle emozioni che voglio raccontare con le miei immagini, scatto dopo scatto.

Scopri di più sulla fotografia e guarda le foto della Triumph Scrambler 1200 scattate utilizzando una pellicola Ilford in bianco e nero.

Visualizza su Instagram

Post condiviso da Brandon Hinton (@brandonhinton.jpeg) il giorno