Ispirazione: Profiles

Quando una rock star finì a terra con una Triumph

Mark Richardson e il suo motto per vivere il presente

Biografia FTR:, Mark Richardson

Bands: Little Angels, Skunk Anansie, Feeder

Favourite punk bike: Triumph Bobber, “Stripped out and brutal”

Favourite rock bike: Thruxton R, “it’s mean, edgy and shifts”

Favourite all-rounder: Tiger XCA, “A sports bike disguised as an adventure bike”

Mark Richardson ricorda molto bene il momento in cui ebbe inizio la sua passione per le moto: quando si è ritrovato a testa in giù in fosso sotto a una vecchia e malconcia Triumph Bonneville.

All’età di sei anni, colui che sarebbe poi diventato il batterista della rock band Skunk Anansie, è saltato sulla motocicletta di un amico in un campo, ha aperto il gas ed è partito…andando a finire in un fosso!

“Non avevo idea di quello che stavo facendo e la cosa su cui ero seduto continuava ad andare sempre più veloce, fino a quando mi sono ritrovato dentro a un fosso. Scoppiai a ridere da solo!” ha detto.

Moto da Trial e Motocross

All’inizio, spinto dal cognato e da quella prima esperienza, Mark si divertiva con moto da trial per poi entrare nell’adrenalinico mondo del motocross. Ma da quando la band ha iniziato a divenire qualcosa di professionale e ad andare in tournée, Mark si è visto costretto a lasciare da parte la sua passione per preservare le braccia e le mani, che ovviamente assumevano un valore maggiore, per lui come per tutta la band.

“Ci trovavamo in tour molto spesso e se non eravamo in tour, eravamo in studio o impegnati in lavori di promozione. Alle volte non sapevo nemmeno dove sarei stato e quindi non vedevo il senso di possedere una moto.” ha detto il Triumph Ambassador.

Mark Richardson Skunk Anansie drummer
Mark sulla sua Bonneville

“Era però strano perché in quel periodo ero impegnato a lavorare con molti musicisti famosi e tutti loro indossavano t-shirt Triumph, quindi in realtà il mio brand preferito mi è sempre stato vicino. E’ significativo e impressionante quanti nella storia si siano voluti legare a questo marchio Inglese, da Elvis Presley a Lemmy dei Motörhead.”

Mark Richardson's Down and Out cafe racer

“Non aver paura di morire. Abbi paura di non vivere”

Seguendo il verso della canzone Ace of Spades dei Motörhead, ‘I don’t want to live forever’, Mark ha creato il suo personale motto non appena ha incontrato la sua passione per il motociclismo: ‘Non aver paura di morire. Abbi paura di non vivere.”

“Per me è questo il concetto della vita, in poche parole. Ho passato molto tempo in viaggio per il Mondo ma non ho mai potuto godere della sua grande bellezza. Stavo sempre in alberghi, fiere e camerini e purtroppo nel nostro tempo libero non avevamo le forze di andare in giro a visitare i Paesi. Ora sto recuperando il tempo perso.”

Da LA a San Fra

Mark, che ha lavorato da vicino con Dutch e il team del Bike Shed al recente evento ‘London’s Tobacco Dock’, ha realizzato esattamente ciò che non è riuscito a fare quando è andato in moto da Los Angeles a San Francisco sulla sua Bonneville T120, con la mogli Erika.

Mark Richardson and his wife on a Triumph
Mark and Erika making memories on the Bonneville T120

“E’ stato il più incredibile ed entusiasmante giro in moto che io abbia mai fatto. Stavamo viaggiando tranquillamente attraverso il Big Sur, dove le montagne di Santa Lucia incontrano l’Oceano Pacifico, in totale relax e solo l’essenziale intorno. Era un sogno divenuto realtà. Il paesaggio era stupendo ma osservarlo in sella ad una moto così ‘cool’ ha reso tutto semplicemente impareggiabile.”

Big Sur
La strada dei sogni: Big Sur e le montagne

Mark attualmente sta pianificando l’ennesimo viaggio in moto, questa volta verso la costa Ovest della Scozia in sella alla sua Tiger XCA ma non ha escluso di fare qualcosa di più ambizioso. ‘Mi piacerebbe fare il giro del Mondo prima di morire e c’è una parte dentro di me che sa che un giorno salterò in sella alla mia Explorer e partirò.”

‘Non perdete tempo con altre moto’

Aggiunge Mark: ‘Ora ho 46 anni, quindi ogni cosa che faccio è predisposta alla creazione di ricordi. Vorrei essere stato così anche quando ero più giovane ma trovandomi in una rock band, a quell’età, era scontato essere un po’ folli.”

Skunk_article-asset_1
Mark è il fiero proprietario di una Bonneville T120 realizzata da Down and Out

Mark a volte fa riferimento al passare del tempo, non in termini di età ma di saggezza. “Ci sono tante cose che avrei fatto in modo diverso e una di queste sarebbe stato sperperare meno il tempo e il denaro con altre motociclette. Avrei dovuto puntare subito su Triumph.”

“Le loro moto si sono evolute tantissimo negli anni ma comunque mantenendo l’essenza e lo stile che hanno sempre avuto. La cura e l’attenzione che riservano alle loro moto è impressionante e si vede nei dettagli. Tutto è fatto per una ragione, tutto è fatto per offrire sempre il meglio. Nessun altro realizza le moto come loro.”

Mark Richardson and his wife on their Triumph

La band si è riunita nel 2008, dopo sette anni, presentando nel 2016 il loro ottavo album con un tour europeo. L’intenzione, ora, è di ritrovarsi in studio di registrazione alla fine del 2017 per lavorare su un nuovo album. Mark sottolinea che non rifaranno lo stesso errore: “Quando non eravamo d’accordo ci scontravamo pesantemente. Ora siamo più grandi e parliamo serenamente, confrontandoci. E io mi prendo il mio tempo per uscire con la mia Tiger, perché, come ho avuto di imparare, prendersi il proprio tempo nella vita è fondamentale.